La “maledizione” del Selvaggio

MARINA di RAGUSA: Di Martino, Carnemolla, Iozzia, Bello, Vindigni, Chiazzese, Arena A., Sangaray, Arena N. (Reinero 16st), Arena D., Iannizzotto (Baldeh 25st). Allenatore, Salvatore Utro. A disp.: Di Carlo, Belluardo, Capozucchi, Morales, Sillah, D’Agosta, Immesi, Reinero, Baldeh

MILAZZO: D’Amico, Russo, Marino, Alosi, Franchina, Caldore, la Piana, Gatto, Lentini (Ancione 20st), Longo (Distefano 20st), Rossano (Arena 15st). Allenatore Ferrara (squalificato) A disp., Lo Verde, Giordano, Antonuccio, Distefano, Doukourè, Arena, Dell’Oro, Ancione, Presti

Arbitro: Papaserio (CT)

Note: Spettatori circa 200, giornata autunnale, terreno allentato dalle piogge dei giorni scorsi. Ammoniti: Franchina (M)  – Espulsi:

Un solo punto divideva il Marina di Ragusa (7) dal Milazzo (8), prima del fischio d’inizio. Rossoblu ancora privi di Pellegrino con Utro che decide di schierare i tre fratelli Arena sin dall’inizio, lasciando D’Agosta in panchina. Al minuto 11 Nicola Arena mette nelle condizioni il fratello Daniele di tirare in porta, tiro centrale. Al 17esimo il Marina prima subisce il primo calcio d’angolo dal quale Di Martino fa un primo miracolo sul colpo di testa di Lentini. Dal successivo corner subisce il gol sul primo palo su colpo di testa del difensore e capitano Russo. Al 22 il Milazzo poteva raddoppiare per uno svarione difensivo, bravo Di Martino a reagire su Longo. Capovolgimento di fronte e Alessandro Arena sbaglia un gol quasi fatto. Al 27esimo ancora Alessandro Arena che prova dal limite di sinistro, bella risposta di D’Amico. Termina così il primo tempo

Dopo otto minuti Daniela Arena pennella in area per Iannizzotto che cerca il palo opposto ma trova i guanti di D’Amico che devia in corner. Al 18esimo fuori Nicola Arena e dentro l’argentino Reinero che si mette in mostra dopo due minuti con uno slalom in area finito con un tiro fuori. Dopo il sesto calcio d’angolo il Milazzo però trova il raddoppio ancora con Russo. Incredibile ma vero, il Marina non riesce ad alzare la testa.