Avanti così ! 2-0 al Giarre

MARINA di RAGUSA: Di Carlo, Carnemolla, Immesi, Bello, Vindigni, Capozucchi, D’Agosta (33’st Iozzia), Pellegrino, Maiorana (29’st Reinero), Arena N. (28’st Arena D.), Arena A. A disp.: Noto, Belluardo, Saccà, Iozzia, Oro, Bettabghor, Garufi, Reinero, Arena D.All. Utro

GIARRE: Colonna, D’Arrigo (Spampinato 7’st), Rosalia, Arena, Trovato, Balsamo (Riolo 45’st), Curcuruto, Pesce (Tomarchio 22’st), Mirabella, Giannaula (38’st Tribulato), Marrone. A disp.: Banciura, Spampinato, Nicolosi, Riolo, Magri, Di Carlo, Civiletti, Tomarchio, Tribulato. All. Pitadella 

ARBITRO: Marra (Mantova)

NOTE: terreno di gioco allentato dalla pioggia dei giorni scorsi, AMMONITI: Trovato, Curcuruto, Arena, Tomarchio (G)  Immesi (M). ESPULSI:

RETI: 32’pt D’Agosta, 4’st Pellegrino

Il Marina scende in campo col pensiero anche al prossimo impegno di Coppa Italia. Ecco perché Utro schiera la sua migliore formazione in vista dell’impegno di mercoledì contro il Canicattì. Per la prima occasione occorre aspettare mezz’ora ed oltre. Perché prima le due squadre hanno solo giocato per studiarsi, con una leggera prevalenza del Giarre con un ottimo Fabio Arena a centrocampo per gli ospiti. Al 32 gol annullato a Nicola Arena per un off side millimetrico. Al 36esimo Alessandro Arena entra in area e viene atterrato. Per Marra di Mantova è calcio di rigore. Dal dischetto D’Agosta che sigla il vantaggio. Qualche minuto dopo clamoroso palo di Curcuruto dopo un’uscita mostruosa di Di Carlo che ha fermato il primo tentativo di Mirabella. Poi ancora Marina di Ragusa con D’Agosta smarcato benissimo da Nicola Arena, il suo sinistro in area è stato debole e di facile presa per Colonna. La ripresa inizia ancora con il Giarre in avanti come nel primo tempo e dopo un minuto un’altra bella parata di Di Carlo ferma un bel tiro dal limite di Mirabella. Al 4 minuto della ripresa Pellegrino torna a L gol deviando in rete una punizione di D’Agosta che aveva battuto sul primo palo. Dal lato corta dell’area di rigore del Giarre. Al 32esimo ancora un monumentale Di Carlo che ferma in angolo Nicolosi.